La personalità può prevedere chi tradisce?

La personalità può prevedere chi tradisce?

 L'infedeltà ai voti matrimoniali è un tema comune a molte società e gruppi sociali. È anche un predittore ricorrente della dissoluzione della relazione ed è quindi frequentemente indagato dagli psicologi, in particolare da coloro che si occupano di sesso, romanticismo e relazioni.

Il solito approccio di ricerca è stato quello di concentrarsi sulle caratteristiche degli individui all'interno dei matrimoni eterosessuali, di solito il marito infedele. Tuttavia, ci sono molti risultati contraddittori nella ricerca, che spingono la psicologa sociale Emma Altgelt e colleghi a perseguire un approccio diverso rispetto all'esame delle caratteristiche della personalità dei coniugi infedeli. Per fare questo, hanno messo insieme i dati di due studi longitudinali su coppie di sposini per valutare l'infedeltà nei primi tre anni di matrimonio. Si sono concentrati non solo sui tratti della personalità di coloro che erano infedeli, ma anche sui tratti della personalità del partner innocente dell'infedeltà, riporta Psychology Today

Le personalità di entrambi i partner contano
Ai due studi hanno partecipato oltre 200 coppie eterosessuali. Sono stati ricontattati a intervalli di sei mesi o un anno e sono stati inviati per posta misure di valutazione dell'infedeltà e dei tratti della personalità, tra cui nevroticismo, coscienziosità, estroversione, apertura, gradevolezza e narcisismo. L'infedeltà è stata definita come avere una relazione sessuale o romantica "con chiunque altro negli ultimi sei mesi". Al basale e ad ogni follow-up, i membri della coppia hanno riferito l'infedeltà propria e del proprio partner. Un totale di 23 mariti e 12 mogli coinvolti in infedeltà che è stata segnalata da almeno uno dei membri della coppia.

I tratti della personalità di un marito non erano associati al fatto che fosse infedele. Tuttavia, una moglie infedele aveva maggiori probabilità di ottenere un punteggio elevato nell'estroversione, un risultato comune nelle ricerche precedenti. Un approccio superiore si è rivelato quello di esaminare i tratti della personalità di entrambi i partner. Se entrambi erano pieni di nevroticismo o estroversione, era più probabile che si impegnassero in infedeltà; se la moglie era sopraffatta dal narcisismo, allora un marito, indipendentemente dalle sue caratteristiche di personalità, era più probabile che tradisse.

Gli autori avvertono che questi risultati potrebbero non essere applicabili alle coppie anziane (per età o tempo di matrimonio) e che queste coppie non sono rappresentative delle coppie sposate in generale. Poiché l'infedeltà può essere un comportamento sensibile e socialmente tabù che probabilmente si verifica più frequentemente di quanto riportato, il tasso e le caratteristiche dell'infedeltà potrebbero essere distorti.

Il Take-Away
Gli autori sottolineano che erano meno le proprie caratteristiche durature - l'eccezione era la donna estroversa - a prevedere l'infedeltà come caratteristiche durature del loro partner. "In questo modo, i risultati attuali suggeriscono che l'infedeltà può essere spiegata meglio dalla personalità del partner". Quindi, è il loro ambiente condiviso che crea la negatività che fa sì che uno di loro sia infedele. Concludono che "gli effetti diadici osservati qui suggeriscono che la comprensione di chi è più a rischio di infedeltà richiede di considerare le caratteristiche della personalità di entrambi i partner". Sono le caratteristiche diadiche più che i tratti della personalità individuale a predire l'infedeltà.

Una prospettiva alternativa
Quando l'infedeltà si verifica nei matrimoni (indipendentemente dall'orientamento sessuale dei due), alcune coppie optano per il divorzio, altre ignorano il problema e si adattano a questa realtà, e altre prendono l'infedeltà come un segno per cambiare rotta e sviluppare un diverso tipo di relazione —forse una relazione poliamorosa o “consensuale non monogama”.

Nella loro revisione della letteratura, gli psicologi Alicia Rubel e Anthony Bogaert concludono che il poliamore potrebbe essere una valida alternativa se si considera che il benessere psicologico, l'adattamento generale delle relazioni, la gelosia, la soddisfazione sessuale e la stabilità delle relazioni non variano tra monogamia e non rapporti monogami. Cioè, "La maggior parte delle ricerche suggerisce che il benessere psicologico e la qualità delle relazioni dei non monogami consensuali non è significativamente diversa da quella dei monogami".

Forse se un partner decide o desidera essere infedele, quell'individuo potrebbe voler dare la stessa opzione all'altro. Potrebbero quindi essere in grado di salvare la loro relazione e vivere felici e contenti.
La personalità può prevedere chi tradisce? La personalità può prevedere chi tradisce? 5/29/2021 03:11:00 PM Rating: 5
Loading...

 


Powered by Blogger.
f