La tendenza del cervello a vedere facce che non ci sono può essere innata alle esperienze spirituali

Un tronco di un albero incrinato e perforato che ha preso la forma di un uomo urlante
 Un tronco di un albero incrinato e perforato che ha preso la forma di un uomo urlante
 Tremila anni fa, nell'antica Cina, i saggi conficcarono piccole lance roventi nei gusci delle tartarughe vuote per studiare il modo in cui si sviluppavano le crepe sul lato piatto del guscio. A seconda del modello creato dalle crepe, i saggi avrebbero predetto il futuro e avrebbero parlato con gli antenati.

Qual è la base di queste e di altre visioni profetiche nel corso della storia? Perché Mosè vide Dio tra le fiamme di un roveto ardente ei Greci udirono la voce di Zeus nel vento della sacra quercia di Dodona? Quando le persone chiudono gli occhi per pregare o meditare, di chi sono le voci che sentono?

Gli scienziati cognitivi della religione hanno cercato di rispondere a queste domande sin dagli anni '80. Chiamano "pareidolia" queste pratiche di ricerca di schemi significativi nelle informazioni visive. Vedere volti tra le nuvole, forme di animali sui tronchi d'albero e sentire voci nel rumore sono esempi più banali di pareidolia. Sfortunatamente, gli scienziati hanno avuto la tendenza a ridurre questi fenomeni a una sorta di cortocircuito cognitivo. Ciò è in parte dovuto al fatto che il primo scienziato a usare il termine, lo psichiatra tedesco Karl Ludwig Kahlbaum, lo definì negativamente come "deliri di giudizio" causati da "percezione imperfetta".

La connotazione negativa è rimasta. Ad esempio, nel 1995, Carl Sagan, il cosmologo americano, ha affermato che la pareidolia è un adattamento evolutivo per riconoscere volti e forme in condizioni di scarsa illuminazione. Quando "falliamo", vediamo cose che non ci sono, e questo si chiama pareidolia. Altri scienziati sostengono che la pareidolia sia il risultato di una naturale tendenza umana chiamata "antropomorfismo" a proiettare umanità o animatezza nel mondo inanimato.

Gli psicologi trattano ancora la pareidolia come una patologia clinica o psicosi per vedere le cose "dove in realtà non esistono". In breve, gli scienziati hanno in gran parte respinto o cercato di spiegare le esperienze religiose, soprannaturali ed estetiche della pareidolia piuttosto che prenderle sul serio.

Ma consideriamo almeno una storia plausibile e molto meno peggiorativa sulla pareidolia. E se non fosse un fallimento cognitivo? E se le immagini della pareidolia ci fossero davvero in un senso diverso e significativo? In effetti, cosa accadrebbe se, in modo sufficientemente ampio, ogni modello che gli esseri umani hanno mai trovato ci fosse pervenuto attraverso una qualche versione di pareidolia?

La connotazione negativa è rimasta. Ad esempio, nel 1995, Carl Sagan, il cosmologo americano, ha affermato che la pareidolia è un adattamento evolutivo per riconoscere volti e forme in condizioni di scarsa illuminazione. Quando "falliamo", vediamo cose che non ci sono, e questo si chiama pareidolia. Altri scienziati sostengono che la pareidolia sia il risultato di una naturale tendenza umana chiamata "antropomorfismo" a proiettare umanità o animatezza nel mondo inanimato.

Gli psicologi trattano ancora la pareidolia come una patologia clinica o psicosi per vedere le cose "dove in realtà non esistono". In breve, gli scienziati hanno in gran parte respinto o cercato di spiegare le esperienze religiose, soprannaturali ed estetiche della pareidolia piuttosto che prenderle sul serio.

Ma consideriamo almeno una storia plausibile e molto meno peggiorativa sulla pareidolia. E se non fosse un fallimento cognitivo? E se le immagini della pareidolia ci fossero davvero in un senso diverso e significativo? In effetti, cosa accadrebbe se, in modo sufficientemente ampio, ogni modello che gli esseri umani hanno mai trovato ci fosse pervenuto attraverso una qualche versione di pareidolia?

Quando vediamo una pareidolia culturalmente e storicamente concordata, la chiamiamo "realtà", ma quando vediamo schemi creati dalla natura o in cui altre persone non possono verificarli, queste sono "illusioni". Ma cosa ci mancheremmo se artisti e scienziati non avessero "visto" schemi che nessun altro aveva prima, come la struttura a doppia elica del DNA oi meravigliosi vortici disegnati da Da Vinci e dipinti da Van Gogh? Gli esseri umani creano una cultura basata su accordi e disaccordi su quali modelli di pareidolia siano reali o meno. Esiste davvero una faccia su Marte? Il grande carro c'è davvero? Se le nostre convinzioni e pratiche che li coinvolgono sono reali, allora sì, in un certo senso, ci sono davvero.

In altre parole, la pareidolia non è un fallimento ma una fonte di enorme innovazione culturale, anche se alcuni modelli non prendono piede. Ad esempio, studi scientifici mostrano che le persone artistiche, musicali e religiose tendono a vedere più pareidolia di altre. Forse l'interpretazione negativa della pareidolia come errore ha più a che fare con il desiderio scientifico di modelli quantificabili veri e falsi che con il fenomeno stesso.

Ma ecco la domanda centrale lasciata senza risposta dalla maggior parte dei tentativi scientifici di spiegare l'esperienza della pareidolia. Perché le persone sperimentano i modelli come esteticamente e persino spiritualmente significativi? In effetti, i famosi test delle macchie d'inchiostro dello psichiatra tedesco Hermann Rorschach si basavano sul tentativo di capire proprio questo. Ma se Carl Sagan ha ragione e la pareidolia è solo un errore, le persone dovrebbero rendersi rapidamente conto del proprio errore percettivo e adattarsi alla realtà. Ma invece accade il contrario. Le persone spesso trattano la pareidolia come prova di profezia, epifania, bellezza, gioia, perspicacia e persino Dio. Ovviamente, non tutti lo fanno, ma a meno che non siamo disposti a attribuire queste esperienze a follia, stupidità o qualche inspiegabile tendenza all'antropomorfizzazione, abbiamo bisogno di un'altra spiegazione.

Cominciamo con quello che sappiamo. Gli studi dimostrano che le persone tendono a vedere più pareidolia nei modelli frattali rispetto ai modelli non frattali. Un frattale è un modello iterativo che appare simile su tutte le scale, come un albero il cui schema biforcuto si ripete nei rami, nei ramoscelli e nelle vene delle foglie. In questo tipo di frattale naturale, ogni foglia sembra una versione minuscola dell'intero albero. Molti fenomeni naturali, come rocce, montagne, nuvole, fiumi, piante, alberi, colorazione degli animali, onde e vento, possono avere schemi frattali simili.

Inoltre, sappiamo che "la natura è tradizionalmente fondamentale per la divinazione, le cui radici metaforiche indigene rimandano a fenomeni naturali come pietre, acqua e comportamento animale", come scrive l'antropologo Patrick Curry. Le crepe nei gusci delle tartarughe, ad esempio, e la distribuzione delle foglie di tè sul fondo di una tazza mostrano motivi frattali. La maggior parte delle visioni di divinità registrate si verificano anche in schemi naturali o frattali come fuoco, alberi, nuvole/fumo o una combinazione di schemi frattali naturali. Quando le persone chiudono gli occhi e si siedono immobili in preghiera o in mediazione, la struttura frattale della loro attività cerebrale spontanea entra in uno stato "alfa" più lento. Questo stato lento è associato a un'associazione errante e creativa o "pareidolia cognitiva", poiché i nostri pensieri giocano tra l'attività cerebrale di fondo frattale. I modelli frattali sono anche facili per gli occhi, infinitamente affascinanti da vedere e ascoltare e persino ispirare sentimenti di bellezza.

Fonte qui.
La tendenza del cervello a vedere facce che non ci sono può essere innata alle esperienze spirituali La tendenza del cervello a vedere facce che non ci sono può essere innata alle esperienze spirituali 3/27/2022 10:05:00 PM Rating: 5
Powered by Blogger.
f