Il taglio dell'alcool può ridurre gli episodi di fibrillazione atriale

Il taglio dell'alcool può ridurre gli episodi di fibrillazione atriale
 
 L'eliminazione della maggior parte del consumo di alcol riduce drasticamente il numero di episodi di disturbo del ritmo cardiaco potenzialmente mortale tra i bevitori moderati e pesanti, secondo i risultati di uno studio australiano di sei mesi condotto su 140 volontari pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Mentre la fibrillazione atriale (FA), è riapparsa nel 73% delle persone che hanno registrato una media di 13 bevande a settimana, la percentuale è scesa al 53% tra i pazienti nel gruppo dell'astinenza - che non dovevano bere affatto ma, in media , hanno consumato due drink settimanali.

Inoltre, tra le persone che cercavano di astenersi, ci volle più tempo perché si verificasse il loro prossimo episodio di FA.

"Ciò che questo studio mostra è il potenziale impatto della riduzione dell'alcol o dell'astinenza nelle persone con problemi sintomatici del ritmo cardiaco", ha dichiarato al telefono il dott. Peter Kistler del The Alfred Hospital di Melbourne. Le persone con sintomi FA che hanno 10 bevande a settimana dovrebbero essere avvisate di astenersi o ridurre il loro consumo di alcol," ha detto.

"L'alcol non è solo un indicatore di un aumento del rischio di FA (come mostrato prima, sulla base di studi osservazionali), ma sembra essere anche un vero fattore di rischio per la FA, perché se 'trattiamo' (in questo caso smettere di prendere alcol), abbiamo una significativa riduzione sia dell'onere della FA sia della ricorrenza della FA”, ha affermato via e-mail il dott. Renato Lopes, professore di medicina presso il Duke University Medical Center di Durham, nella Carolina del Nord, che non era coinvolto nello studio.

FA si verifica quando le camere superiori del cuore battono in modo irregolare. È il problema del ritmo cardiaco più comune e una delle principali cause di ictus. In alcune persone, va e viene. I sintomi includono debolezza, mancanza di respiro e palpitazioni.

I medici cercano di trattarla controllando la pressione sanguigna e altri fattori, ma il nuovo studio "presenta un argomento convincente per l'astinenza da alcol come parte della gestione efficace della fibrillazione atriale", scrive la dott.ssa Anne Gillis dell'Università di Calgary in un editoriale di accompagnamento lo studio. "Tuttavia, la realtà che fa riflettere è che per molte persone con fibrillazione atriale, l'astinenza totale dall'alcol può essere un obiettivo difficile da raggiungere."

In effetti, i ricercatori stavano inizialmente progettando di seguire i pazienti per 12 mesi, ma non sono riusciti a trovare abbastanza volontari disposti ad astenersi dall'alcol per così tanto tempo, secondo Reuters.

I risultati non sono del tutto sorprendenti. La ricerca basata sulla popolazione aveva suggerito che ogni bevanda (12 once di birra, 5 once di vino o 1,5 once di distillati) aumenta il rischio di fibrillazione atriale dell'8%. Il nuovo studio randomizzato è stato progettato per essere un test definitivo.

Il team di Kistler ha scoperto che in genere Afib riappariva 120 giorni nel gruppo non bevente rispetto agli 87 giorni nel gruppo che non avevano ricevuto istruzioni per ridurre il consumo di alcol.

A sei mesi, i cuori dei bevitori hanno trascorso l'1,2% del tempo in FA contro lo 0,5% del tempo tra i volontari assegnati all'astinenza.

Due terzi dei volontari stavano assumendo farmaci antiaritmici. Il gruppo ha permesso di continuare a bere riducendo comunque un po 'il consumo di alcol. Nel gruppo dell'astinenza, il 61% è stato in grado di eliminare completamente l'alcool, ma un quarto dei volontari non ha potuto consumare il proprio consumo settimanale al di sotto di due drink a settimana.

"Coloro che si sono astenuti completamente hanno avuto maggiori benefici o una maggiore riduzione della fibrillazione atriale rispetto a quelli che hanno ridotto la loro assunzione ma hanno continuato a bere", ha osservato Kistler. "Se avessimo avuto l'astinenza completa, penso che la differenza sarebbe stata ancora maggiore".

Anche i non bevitori hanno perso una media di 8 chili in più rispetto ai bevitori e hanno visto un calo significativo della pressione sanguigna.

I medici spesso avvisano i pazienti che bere qualcosa al giorno può essere un toccasana per il cuore, ma ciò non dovrebbe valere per i pazienti FA, ha affermato Kistler. Anche nei pazienti con malattie cardiache, i nuovi risultati "suggeriscono ancora di ridurre sostanzialmente l'assunzione di alcol".
Il taglio dell'alcool può ridurre gli episodi di fibrillazione atriale Il taglio dell'alcool può ridurre gli episodi di fibrillazione atriale 04:28 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.