La solitudine è collegata al cervello umano; Ecco come appare

La solitudine è collegata al cervello umano; Ecco come appare

 COVID-19 ha esacerbato la diffusione mondiale della solitudine che aveva allarmato i ricercatori prima della pandemia. Un nuovo studio individua una firma distinta che può essere osservata nel cervello delle persone sole e sostiene che l'isolamento sociale porta a cambiamenti nelle aree del cervello usando la memoria e l'immaginazione.

Gli scienziati hanno definito la solitudine come "la percezione soggettiva dell'isolamento sociale, o la discrepanza tra i livelli di connessione sociale desiderati e percepiti". Hanno basato i loro risultati su una vasta raccolta di informazioni provenienti da circa 40.000 partecipanti di età compresa tra 40 e 69 anni. Queste informazioni sono state raccolte dalla Biobank del Regno Unito, un database ad accesso aperto per scienziati sanitari internazionali. I ricercatori hanno avuto accesso ai dati della risonanza magnetica (MRI), nonché alla genetica e alle autovalutazioni psicologiche.

Gli scienziati hanno confrontato i dati MRI dei partecipanti allo studio che hanno affermato di sentirsi spesso soli rispetto a quelli che non lo hanno fatto e hanno scoperto differenze chiave. Questi ruotavano attorno alla rete predefinita, un'area del cervello responsabile dei ricordi, nonché della cognizione sociale e dell'immaginazione. Viene utilizzato quando ci concentriamo sul passato o pensiamo al futuro o sogniamo ad occhi aperti un presente diverso.

Le reti predefinite di persone sole erano cablate insieme più forti e inaspettatamente avevano più volume di materia grigia. Le persone sole sembravano anche mostrare una maggiore conservazione nella struttura del fornice, il fascio di fibre nervose che trasmette i segnali dall'ippocampo alla rete predefinita.


Cosa è responsabile delle differenze cerebrali tra le persone che si sentono sole e quelle che non lo fanno? Gli scienziati pensano che la risposta risieda nella funzione della rete predefinita. Le persone sole tendono a usare di più la loro immaginazione, i ricordi e le speranze, sostengono i ricercatori, nel tentativo di gestire il loro isolamento.

L'autore principale dello studio, Nathan Spreng del Neuro (Montreal Neurological Institute-Hospital) della McGill University in Canada, ha collegato l'uso del mondo interiore da parte di persone sole alle loro scoperte inaspettate:

"In assenza di esperienze sociali desiderate, gli individui soli possono essere orientati verso pensieri diretti internamente come il ricordo o l'immaginazione di esperienze sociali", ha affermato Spreng in un comunicato stampa. "Sappiamo che queste capacità cognitive sono mediate dalle regioni cerebrali della rete predefinita. Quindi questa maggiore attenzione all'auto-riflessione e possibilmente alle esperienze sociali immaginate, coinvolgerebbe naturalmente le funzioni basate sulla memoria della rete predefinita".

Gli scienziati ritengono che la loro ricerca possa aiutare a dipingere un quadro più completo della solitudine e di come trattarla, poiché la quantità di persone che provano tali sentimenti aumenta, influenzando la loro salute. Gli studi sugli anziani hanno mostrato che la solitudine era collegata a un rischio maggiore di demenza e problemi cognitivi.

"L'evoluzione umana è stata plasmata da pressioni selettive verso una maggiore cooperazione interindividuale, scrivono gli scienziati nel loro studio." Le interazioni sociali sono cruciali per la sopravvivenza e la realizzazione. La straordinaria dipendenza della nostra specie da altri individui ha portato alla caratterizzazione degli esseri umani come "animali ultra-sociali". Di conseguenza, l'assenza di un impegno sociale sufficiente può imporre notevoli costi fisici e psicologici "..
La solitudine è collegata al cervello umano; Ecco come appare La solitudine è collegata al cervello umano; Ecco come appare 05:24 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.
f