lo studio spera di ricreare gli odori della vecchia Europa

lo studio spera di ricreare gli odori della vecchia Europa

 Dal profumo pungente di un sigaro alla delicata fragranza delle rose, gli odori possono trasportarci in tempi passati. Ora i ricercatori sperano di sfruttare gli odori del passato per fare proprio questo.

Scienziati, storici ed esperti di intelligenza artificiale in tutto il Regno Unito e in Europa hanno annunciato che stanno collaborando per un progetto da 2,8 milioni di euro denominato "Odeuropa" per identificare e persino ricreare gli aromi che avrebbero assalito il naso tra il XVI e l'inizio del XX secolo, riporta The Guardian.

"Una volta che inizi a guardare i testi stampati pubblicati in Europa dal 1500, troverai un sacco di riferimenti all'olfatto, dai profumi religiosi - come l'odore dell'incenso - a cose come il tabacco", ha detto il dottor William Tullett della Anglia Ruskin University di Cambridge, membro del team di Odeuropa e autore di Smell in Eighteen-Century England.

Il primo passo del progetto triennale, che dovrebbe iniziare a gennaio, sarà quello di sviluppare l'intelligenza artificiale per esaminare testi storici in sette lingue per le descrizioni degli odori - e il loro contesto - nonché per individuare elementi aromatici all'interno delle immagini, come i dipinti.

Tali informazioni verranno utilizzate per sviluppare un'enciclopedia online degli odori europei, comprese biografie conservate in vaso di odori particolari, insieme a approfondimenti sulle emozioni e sui luoghi associati a determinati profumi.

"Includerà [anche] discussioni su particolari tipi di nasi del passato - i tipi di persone per le quali l'odore era significativo e cosa significava l'odore per loro", ha detto Tullett, aggiungendo che un esempio sarebbero i medici.

"Questo potrebbe portarci a tutti i tipi di profumi diversi, sia che si tratti dell'uso di erbe come il rosmarino per proteggere dalla peste, [o] dell'uso di sali odoranti nel XVIII e XIX secolo come antidoto a convulsioni e svenimenti", egli disse.

Tullett ha aggiunto che una parte fondamentale del progetto è evidenziare come i significati e gli usi dei diversi odori siano cambiati nel tempo, cosa che si vede nella storia del tabacco.

"È una merce introdotta in Europa nel XVI secolo che inizia come un odore molto esotico, ma poi diventa rapidamente addomesticata e diventa parte del normale paesaggio olfattivo di molte città europee", ha detto Tullett.

"Una volta entrati nel XVIII secolo, le persone si lamentano attivamente dell'uso del tabacco nei teatri", ha detto. Ha aggiunto che questo odore sta ora scomparendo dal nostro mondo olfattivo a causa dei divieti di fumo.

Il team afferma che prevede di utilizzare le loro scoperte per lavorare con chimici e profumieri per ricreare gli odori del passato ed esplorare come gli odori possono essere forniti - insieme a informazioni sul loro significato - per migliorare l'esperienza dei visitatori di musei e altri siti del patrimonio.

Il team non è il primo a impegnare le narici in nome del patrimonio: il Jorvik Viking Center di York è famoso per ricreare il fetore del X secolo, una caratteristica che alcuni hanno suggerito rende una visita particolarmente memorabile.

"Una delle cose che il Jorvik Viking Center dimostra è che l'odore può avere un impatto reale sul modo in cui le persone interagiscono con i musei", ha detto Tullett. Ma, ha detto, tale impegno non deve fare affidamento su spiacevoli pong.

"Dove l'odore viene menzionato nei musei, sono spesso gli odori dei servizi igienici o del legno che brucia", ha detto Tullett. "Stiamo cercando di incoraggiare le persone a considerare sia gli elementi disgustosi che quelli fragranti del passato olfattivo dell'Europa".
lo studio spera di ricreare gli odori della vecchia Europa lo studio spera di ricreare gli odori della vecchia Europa martedì, dicembre 01, 2020 Rating: 5
Loading...

 


Powered by Blogger.
f