L'hashish ti protegge dal coronavirus? Ricercatori canadesi dicono di "si"

 Tela con cannabis (archivio)
 Ricercatori canadesi affermano che l'hashish come pianta curativa può proteggere anche da Corona. I loro risultati fanno parte di uno studio sull'uso della cannabis nel trattamento del cancro e della malattia di Crohn.

Nella lotta per trovare un vaccino o una cura per il virus SARS-CoV-2, i ricercatori non stanno solo seguendo il percorso tradizionale. Si sono inoltre concentrati su un candidato esistente, Remdesivir, per il trattamento dell'ebola. In Germania, tuttavia, sono in corso studi clinici per un vaccino contro Corona con un candidato che ha sviluppato immunologia nella lotta contro il cancro. Un recente studio francese suggerisce che la nicotina, che viene spesso assorbita come passo del tempo e a rischio di morte, può proteggerti dal nuovo virus.

Ora arriva la notizia scientifica dal Canada che alcuni farmaci psicoattivi, l'hashish (Cannabis), possono aumentare la capacità protettiva delle cellule contro il virus Corona. Se lo studio è verificato, allora il Cannanis potrebbe avere un effetto approssimativo come la nicotina. "I risultati di COVID sono derivati ​​da altri studi sull'artrite, sulla malattia di Crohn e sul cancro", afferma il dott. Igor Kovalchuck.

Blocco dei punti di adesione alle cellule

Come per l'ipotesi sull'effetto della nicotina sul virus Corona, i ricercatori ritengono che alcune sostanze di hashish riducano la capacità del virus di influenzare le cellule polmonari, dove si lega, si moltiplica e poi si diffonde. In un articolo non ancora verificato dai colleghi di peer review pubblicati su preprints.org, Kovalchuk e altri ricercatori scrivono che le unità microbiologiche a base di hashish sviluppate da loro impediscono al virus di entrare nel corpo umano. Il virus Corona ha bisogno di un "recettore" per penetrare nelle cellule "ospiti" umane. Questo recettore è noto con il nome di "angiotensin converting encym II" o ACE2 in breve.

Secondo i ricercatori, l'ACE2 si trova nella bocca, nella mucosa nasale, nei reni, nel sistema dello stomaco e dell'intestino. Dicono che la cannabis cambia il livello di ACE2 in questi porti "Gateways". L'organismo come "ospite" di virus in questo caso sarebbe meno vulnerabile e sensibile a questo virus. In linea di principio, ciò riduce il rischio di infezione. "Se non c'è ACE2 nel tessuto, il virus non può entrare", spiega il professor Kovalchuck.

La cannabis nei barattoli domestici non è abbastanza

Molti medici apprezzano la cannabis nel trattamento di una serie di malattie. Dal vomito alla demenza. Ma la cannabis medica non è la stessa cosa che molte persone usano come intrattenimento piantandola nel loro giardino. Questi tipi di cannabis con effetto farmacologico sono noti per il contenuto della sostanza Tetraidrocannabinolo (THC), la sostanza psicoattiva più importante.

I ricercatori con sede in Alberta sono specializzati nella microbiologia della Cannabis sativa con un alto contenuto di Cannabinoide Cannabidiolo (CBD) con effetto antinfiammatorio. Uno degli ingredienti principali dell'hashish. I ricercatori canadesi hanno sviluppato più di 800 altre varianti di Cannabis sativa con alti valori di CBD, da cui hanno identificato 13 estratti che, secondo loro, cambiano i valori di ACE-2 nelle "porte" delle cellule umane.

Poco prima che tu lo sappia

Dr. Igor Kovalchuck insieme al Dr. Darryl Hudson gestisce anche una società di biotecnologie. Inplanta Biotechnology. Anche in questo istituto canadese, viene studiato l'effetto dei cannabioidi. Ma il finanziamento è "ancora difficile", ha detto Kovalchuk. Lo stesso vale in altri paesi. Alcuni ricercatori nel Regno Unito affermano che l'opinione pubblica e la politica hanno idee sbagliate sulla cannabis terapeutica. Inoltre, i medici temono che le persone possano diventare dipendenti o provare a trattarsi con qualsiasi tipo di cannabis che trovano.

È importante avere chiarezza delle informazioni ed evitare il desiderio di sensazioni. "A causa della sensibilità sociopolitica del consumo di cannabis, i ricercatori devono fare molta attenzione nel diffondere i loro risultati", ha affermato Chris Albertyn, capo del gruppo di studio del King's College a Londra. Secondo lui, l'attuale studio canadese ha rivelato un meccanismo efficace per la terapia, ma che "dovrebbe essere valutato in studi clinici ben concepiti prima di trarre conclusioni cliniche", afferma Albertyn.

Ma senza un sufficiente sostegno finanziario, la scienza non sarà in grado di avere le giuste conoscenze sul cannabidiolo. "Almeno ora c'è molto interesse", ha detto Kovalchuk alla Deutsche Wellen. È fiducioso che ci saranno cambiamenti in futuro. Lo stesso Kovalchuk e altri ricercatori concordano sul fatto che i risultati dei loro studi dovrebbero essere sottoposti a una verifica approfondita. Ma aggiungono che il cannabidiolo può essere un "integratore sicuro" nell'allenamento COVID-19. Un'appendice quindi, tra gli altri metodi di trattamento.
L'hashish ti protegge dal coronavirus? Ricercatori canadesi dicono di "si" L'hashish ti protegge dal coronavirus? Ricercatori canadesi dicono di "si" 04:21 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.