La perdita dell'udito nelle persone anziane può essere prevenuta da giovani, sostengono gli esperti

La perdita dell'udito nelle persone anziane può essere prevenuta da giovani, sostengono gli esperti

 Un nuovo modello dei ricercatori dell'Università di Manchester ha proposto un modo per prevenire la perdita dell'udito nelle persone anziane affrontando le disuguaglianze socioeconomiche riscontrate durante i giovani.

Pubblicato su Trends in Hearing, il modello potrebbe avere un impatto sui circa 466 milioni di persone in tutto il mondo che hanno una perdita dell'udito disabilitante, che colpisce principalmente gli anziani.

Lo studio è il primo ad esaminare i meccanismi e spiegare la relazione tra le disuguaglianze socioeconomiche e la salute dell'udito nel corso della vita.

La ricerca ha dimostrato precedentemente che le persone con perdita dell'udito hanno maggiori probabilità di avere risultati scolastici inferiori, tassi di disoccupazione più elevati e reddito familiare annuo inferiore rispetto a quelli con altre condizioni di salute.

Hanno anche maggiori probabilità di avere condizioni di salute a lungo termine e un carico di malattia complessivo più elevato rispetto alle persone anziane senza perdita dell'udito.

La dottoressa Dalia Tsimpida, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: "Il deterioramento dell'udito è un processo che dura tutta la vita, ma non un risultato inevitabile dell'invecchiamento. Comprendere questo processo è un passo essenziale per affrontare l'onere globale della perdita dell'udito".

Il dott. Tsimpida, ricercatore post-dottorato presso l'Istituto per la politica e l'organizzazione sanitaria (IHPO) dell'Università, ha aggiunto: "I fattori determinanti della scarsa salute dell'udito nel corso di una vita e la loro interdipendenza, come descritto da questo modello, sono un modo potente per intervenire in questo grave problema.

"La nostra attenzione non è semplicemente sull'età degli anziani, ma sui fattori che hanno un impatto sulle persone nelle prime fasi della vita, che se modificati potrebbero ridurre la perdita dell'udito in età avanzata".

"Questo approccio alla salute dell'udito può portare allo sviluppo di interventi appropriati e strategie di salute pubblica che possono avere implicazioni significative nella politica sanitaria e nella pratica".

Lo studio del dott. Tsimpida è co-autore del professor Evangelos Kontopantelis, del professor Darren Ashcroft e della dott.ssa Maria Panagioti.


La dott.ssa Maria Panagioti ha dichiarato: "Questo modello fornisce ora una rappresentazione visiva dei diversi fattori modificabili della perdita dell'udito in fasi della vita distinte e della loro evoluzione nel tempo, il che è un nuovo modo di pensare nella ricerca sulla perdita dell'udito.

"Dato il peso della perdita dell'udito ad esordio nell'età adulta, un tale strumento concettuale per le disuguaglianze di salute dell'udito ha il potenziale di migliorare il benessere fisico, mentale e sociale degli individui".
La perdita dell'udito nelle persone anziane può essere prevenuta da giovani, sostengono gli esperti La perdita dell'udito nelle persone anziane può essere prevenuta da giovani, sostengono gli esperti mercoledì, giugno 02, 2021 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.
f