Fingere con gli emozioni sul lavoro fa più male che bene, secondo lo studio

Fingere con gli emozioni sul lavoro fa più male che bene, secondo lo studio
 
 l'idea che qualcuno possa falsare un atteggiamento positivo per ottenere benefici nella vita reale - spesso fallisce quando viene usato con i colleghi, secondo uno studio condotto da un ricercatore dell'Università dell'Arizona.

Invece, dicono i ricercatori, fare uno sforzo per sentire effettivamente le emozioni che mostri è più produttivo.

Allison Gabriel, professore associato di management e organizzazioni nell'Eller College of Management, ha guidato un team che ha analizzato due tipi di regolazione delle emozioni che le persone usano sul lavoro: la recitazione superficiale e la recitazione profonda.

"La recitazione in superficie sta fingendo ciò che stai mostrando ad altre persone. All'interno, potresti essere turbato o frustrato, ma all'esterno stai facendo del tuo meglio per essere piacevole o positivo", ha detto Gabriel. "La recitazione profonda sta cercando di cambiare il modo in cui ti senti dentro. Quando reciti in profondità, stai effettivamente cercando di allineare il modo in cui ti senti con il modo in cui interagisci con le altre persone."

Lo studio ha esaminato gli adulti che lavorano in una vasta gamma di settori tra cui istruzione, produzione, ingegneria e servizi finanziari.

"Quello che volevamo sapere è se le persone scelgono di impegnarsi nella regolazione delle emozioni quando interagiscono con i loro colleghi, perché scelgono di regolare le proprie emozioni se non vi è alcuna regola formale che richieda loro di farlo, e quali benefici, se ce ne sono, esci da questo sforzo" disse Gabriel.

Fingere con gli emozioni sul lavoro fa più male che bene, secondo lo studio

Indossare una 'faccia felice'

Gabriel afferma che quando si tratta di regolare le emozioni con i colleghi, sono emersi quattro tipi di persone dallo studio:

Non fattori o coloro che si impegnano in livelli trascurabili di superficie e di azione profonda;

Attori bassi, o quelli che mostrano una superficie leggermente superiore e recitazione profonda;

Attori profondi, o coloro che hanno mostrato i più alti livelli di recitazione profonda e bassi livelli di recitazione superficiale; e,
Regolatori o coloro che hanno mostrato livelli elevati di superficie e di recitazione profonda.

In ogni studio, i nonattori costituivano il gruppo più piccolo, con gli altri tre gruppi di dimensioni simili.

I ricercatori hanno identificato diversi autisti per impegnarsi nella regolazione delle emozioni e li hanno suddivisi in due categorie: prosociale e gestione delle impressioni. I motivi prosociali comprendono il voler essere un buon collaboratore e coltivare relazioni positive. I motivi della gestione delle impressioni sono più strategici e includono l'accesso alle risorse o un bell'aspetto di fronte a colleghi e supervisori.

Il team ha scoperto che i regolatori, in particolare, erano guidati da motivi di gestione delle impressioni, mentre gli attori profondi avevano significativamente più probabilità di essere motivati ​​da preoccupazioni prosociali. Ciò significa che gli attori profondi stanno scegliendo di regolare le proprie emozioni con i colleghi per favorire relazioni di lavoro positive, anziché essere motivati ​​dall'accesso a più risorse.

Fingendolo contro sentirlo

"L'asporto principale", afferma Gabriel, "è che gli attori profondi - coloro che stanno davvero cercando di essere positivi con i loro colleghi - lo fanno per motivi prosociali e traggono significativi benefici da questi sforzi".

Secondo i ricercatori, tali benefici includono la ricezione di livelli significativamente più elevati di supporto da parte dei colleghi, come l'aiuto con i carichi di lavoro e le offerte di consulenza. Gli attori profondi hanno anche riportato livelli significativamente più elevati di progressi sui loro obiettivi di lavoro e fiducia nei loro collaboratori rispetto agli altri tre gruppi.

I dati hanno anche mostrato che la miscelazione di alti livelli di superficie e di azione profonda ha comportato uno sforzo fisico e mentale.

"I regolatori hanno sofferto di più sui nostri indicatori di benessere, inclusi livelli aumentati di sentimento emotivamente esauriti e non autentici al lavoro", ha detto Gabriel.

Lezioni imparate

Mentre alcuni manager con cui Gabriel ha parlato nel corso della sua ricerca credono ancora che le emozioni abbiano poco a che fare con il posto di lavoro, i risultati dello studio suggeriscono che c'è un vantaggio nel mostrare emozioni positive durante le interazioni sul lavoro, ha detto.

"Penso che l'idea di" fingere fino a quando non ce la fai "suggerisce una tattica di sopravvivenza al lavoro", ha detto Gabriel. "Forse stuccare un sorriso per uscire da un'interazione è più facile a breve termine, ma a lungo termine minerà gli sforzi per migliorare la tua salute e le relazioni che hai al lavoro."

"In molti modi," aggiunse Gabriel, "tutto si riduce a 'Siamo gentili gli uni con gli altri'. Non solo le persone si sentiranno meglio, ma possono anche migliorare le prestazioni e le relazioni sociali."

I coautori di Gabriel includono Joel Koopman, assistente professore di management presso la Mays Business School presso la Texas A&M University; Christopher Rosen, professore di management presso l'Università dell'Arkansas; John Arnold, uno studente di dottorato presso la Florida State University; e Wayne Hochwarter, professore di management presso la Florida State University. La ricerca è pubblicata online sul Journal of Applied Psychology.
Fingere con gli emozioni sul lavoro fa più male che bene, secondo lo studio Fingere con gli emozioni sul lavoro fa più male che bene, secondo lo studio 04:38 Rating: 5
Loading...
Powered by Blogger.